Denuncia polizia postale: cosa succede dopo

Hai sporto una denuncia verso qualcuno che ti ha insultato su Facebook o Twitter? Oppure non hai denunciato nessuno, ma praticamente sei dalla parte opposta: qualcuno ti ha denunciato. Cosa succede in questi casi, quali sono i tempi delle indagini, cosa comporta una denuncia alla Polizia Postale?

Cyberbullismo, offese gratuite, diffamazione, creazione di profili falsi, sostituzione di persona, sono reati all’ordine del giorno purtroppo su internet. Sembra quasi che certe persone si sentano al sicuro dietro una tastiera e arrivano a dire cose che di persona non avrebbero mai il coraggio di proferire.

Facebook iPhone

E così prima o poi arriva la denuncia. O la querela. Chiariamo innanzitutto questo dubbio: qual é la differenza tra denuncia e querela? La denuncia é una segnalazione con cui la polizia avvia la procedura d’ufficio, anche se il denunciante non chiede la punizione della persona che ha commesso il reato. Inoltre la denuncia la può fare non solo la persona offesa, ma chiunque abbia conoscenza del reato.

La querela al contrario, può farla solo chi ha subìto l’offesa, nessun altro e il reato non é perseguibile d’ufficio, ma serve necessariamente la querela da parte della vittima.

Cosa succede quindi in questi casi e quali sono i tempi delle indagini?

Il denunciato, solitamente entro un mese dal momento in cui hanno sporto denuncia, riceve una notifica dalla Polizia Postale: un invito a comparire presso i loro uffici. Quel giorno la polizia gli chiederà informazioni riguardo al caso: chiederà la sua versione.

A questo punto vengono fatte le dovute indagini. Potresti essere ulteriormente chiamato dalle autorità oppure no. Al termine delle indagini ricevi una notifica di chiusura delle indagini da parte della Polizia. Di solito dal momento della denuncia fino alla chiusura delle indagini passano un po’ di mesi, può persino passare un anno o un anno e mezzo: comunque riceverai la notifica di chiusura delle indagini.

Non ti arriva nessuna notifica? Allora probabilmente il caso é stato archiviato.

Se invece il procedimento prosegue, sarai chiamato nuovamente, dovrai nominare un avvocato altrimenti ti sarà assegnato d’ufficio. Attenzione: l’avvocato d’ufficio non é gratis! (quello é il patrocinio gratuito) ma devi pagarlo tu! A questo punto inizia la causa vera e propria e può durare… anche anni! I tempi della giustizia italiana, come tutti sappiamo, non spiccano per velocità.