Subentro Telecom per separazione: modulo

In caso di separazione e quindi trasferimento di un coniuge presso altra abitazione, se il contratto Telecom (che ora si chiama solo TIM) è intestato al coniuge “uscente”, allora è bene modificare la titolarità e trasferirla al coniuge che continuare ad abitare quell’immobile.

Con il subentro, tutti gli obblighi derivanti dal contratto, vengono trasferiti al nuovo intestatario: la fatturazione bimestrale, ma anche le eventuali morosità pregresse. Di seguito le modalità, il modulo, i tempi e i costi previsti per chiedere il subentro.

telecom

Modulistica, tempi e costi

La modifica della titolarità del contratto è possibile solo previo consenso dell’attuale titolare. Il subentro tra coinugi separati non ha alcun costo, per cui non dovrai pagare nulla, fermo restando le eventuali more pregresse che potrebbero esserci nel contratto.

Il coniuge assegnatario della residenza, ha due possibilità per chiedere il subentro nel contratto della linea fissa e/o ADSL:

  • chiamando il customer care al numero 187.
  • Mandando una domanda a Tim, nella quale occorre allegare:
  1. la copia della sentenza di separazione in cui viene attribuito il contratto telefonico;
  2. il consenso dell’intestatario della linea (trovi il modulo in basso, insieme al modulo di richiesta subentro).

La richiesta va inviata, tramite raccomandata A/R, all’indirizzo:

Telecom Italia Spa servizio clienti residenziali
casella postale 211
14100 Asti

oppure via fax al numero verde 800000187.

Per la domanda di subentro, compila e invia questo modulo. Ricorda di allegare tutti i documenti (tuoi e del vecchio intestatario), elencati nel modulo.

Per quanto riguarda i costi, solitamente, già dalla successiva fattura, il nuovo intestatario sarà il coniuge subentrante. In caso di problemi, contatta subito il servizio clienti al 187.

Migliori offerte Adsl del momento