Cosa vuol dire flashare una Rom

Senti spesso parlare di “ROM flashate”. Di cosa si tratta? Cosa vuol dire, cosa significa flashare una ROM? A cosa serve realmente, può convenire farlo anche sul proprio dispositivo Android? Il termine “flashare” è un termine in gergo che indica la procedura di eliminazione e sostituzione su una memoria della tipologia “flash” che troviamo appunto negli smartphone.

Vediamo meglio in cosa consiste questa procedura, quando farla e quali sono i vantaggi che può avere un dispositivo Android sottoposto a questa procedura.

Sms Android

ROM sta per “READ ONLY MEMORY” e quindi rappresenta la memoria di sola lettura. Di solito però, in gergo, quando parlano di ROM, intendono non la memoria in sè, ma il firmware. Flashare una ROM su un telefono, significa quindi eliminarne il contenuto ed inserirne un altro: è una procedura che va di pari passo a quella del root.

La custom rom infatti, non è altro che una ROM modificata, un firmware appositamente modificato che permette una più ampia personalizzazione del dispositivo.

Il root è infatti una procedura che si effettua su tablet e smartphone Android, allo scopo di mettere l’utilizzatore in condizione di amministratore di sistema. Con il root l’utente ha la possibilità di dare maggiori personalizzazioni o aggiungere funziona particolari al device, che sarebbe impossibile dare senza root.

Un device rootato è, quindi, un device che può essere maggiormente personalizzato rispetto a uno non rootato, tramite aggiunta di applicazioni dedicate solo a dispositivi rootati, nuove funzionalità, etc.

Migliori offerte Adsl del momento