Cellulare rubato: come bloccarlo e ritrovarlo

Hai perso il tuo telefono cellulare, oppure, peggio ancora, te lo hanno rubato? Cosa fare in questi casi? Si deve procedere con una denunzia alle autorità e poi, i carabinieri o la polizia postale, possono rintracciare il telefonino rubato? Tante sono le domande e i dubbi che assalgono chi è stato impunemente (almeno per ora) derubato del proprio smartphone o tablet.

Non tutto é perduto: innanzitutto devi provvedere a bloccare il tuo telefono, in modo da renderlo inutilizzabile per il ladro, poi potrai anche localizzarlo e ritrovarlo. i metodi ci sono: in questa guida ti spiego come fare e cercherò di dare una risposta a tutte le tue domande.

Cosa fare

La primissima cosa da fare è tentare di agire da remoto, utilizzando i sistemi di antifurto che, Google ed Apple inseriscono di serie sui propri dispositivi. Grazie a questi sistemi è possibile cancellare (formattare) tutti i dati presenti sul telefono, oltre che localizzare la posizione e bloccarlo.

Android: vai sul sito Gestione Dispositivi Android. entro pochi istanti il tuo cellulare sarà visualizzato sulla mappa e saprai già dove si trova. Clicca su Cancella se vuoi cancellare i dati presenti su memoria. Clicca su Blocca per rendere il telefono inutilizzabile.

iPhone: vai sul sito iCloud ed accendi usando il tuo ID Apple. Clicca quindi su “Trova il mio iPhone”. Comparirà in pochi secondi la mappa con il device, clicca sull’indicatore verde e poi su “i”. A questo punto puoi scegliere se usare la “modalità smarrito” o se “inizializzare” il deevice per cancellare tutti i dati.

NB: questi due sistemi purtroppo, funzionano solo se il device è collegato a internet. Eh si, se il ladro ha disattivato internet, purtroppo, non potrai fare nulla di quanto appena esposto. Hai però delle alternative, altrettando valide, almeno per bloccare il telefono e impedire che uno sconosciuto lo utilizzi, mettendoti nei guai.

Bloccare il telefono tramite IMEI

E’ possibile bloccare il telefono anche tramite il tuo gestore telefonico, fornendogli l’IMEi. L’IMEI è il codice identificativo del telefono che si trova sulla confezione di vendita e sotto la batteria del telefono. Se non lo ha memorizzato da qualche parte, puoi recuperarlo anche chiamando il servizio clienti del tuo gestore, fornendo i tuoi dati e quattro numeri di telefono che chiami abitualmente al tuo device. Una volta ottenuto l’IMEI dal call center del tuo gestore però, devi prima presentare denuncia ai carabinieri. Dopo la denuncia potrai richiedere il blocco al tuo operatore e, se lo desideri, anche una sim sostitutiva per mantenere lo stesso numero. Ma andiamo passo per passo.

Denuncia

Recati in una stazione dei carabinieri e sporgere denuncia di furto o smarrimento. La copia delle denuncia dovrà essere abbinata ai documenti di richiesta blocco del telefono da inviare 8via fax o posta) al tuo operatore telefonico. Ecco i moduli e le modalità di invio:

Ritrovamento

E’ molto difficile che tu possa ritrovare il tuo telefono se è stato rubato, ma non impossibile. Ad ogni modo, dopo che avrai inviato al tuo gestore la richiesta di blocco, il telefono sarà bloccato entro pochissimi giorni. Inoltre, con una copia del modulo e della denuncia potrai recarti in un centro del tuo gestore per chiedere una scheda sim sostitutiva e mantenere quindi lo stesso numero.

Se dovessi ritrovare il telefono, con gli stessi moduli di cui sopra potrai chiederne lo sblocco. I modulo infatti sono creati sia per chiedere il blocco che lo sblocco in caso di ritrovamento.

Migliori offerte Adsl del momento