Regole d’uso del cellulare aziendale

Non mi dire che anche tu utilizzi il cellulare aziendale per fini personali…? Ma non si può! E non siamo noi a dirlo, lo ha sancito una sentenza della Corte di cassazione (esattamente la sentenza del 9 luglio 2007 n. 15334): il giudice ha confermato la legittimità del licenziamento di un lavoratore che aveva inviato migliaia di sms dal telefonino aziendale.

Quali sono quindi le regole d’uso del cellulare aziendale? La sentenza, lo precisiamo, tratta di un caso limite: in pratica dal cellulare aziendale del lavoratore licenziato, erano stati inviati migliaia di messaggi sms di natura personale. Il lavoratore si era difeso sostenendo che fosse stato il figlio ad aver usato il telefonino, a sua insaputa.

Queste asserzioni però non sono bastate a “scagionare” il lavoratore: la sentenza della Corte di Cassazione ha quindi condannato il lavoratore sotto il profilo soggettivo (colpa per non aver adeguatamente sorvegliato sul cellulare) e oggettivo (invio di un numero spropositato di messaggi sms). Questo ingente numero di sms ha recato danni economici all’azienda e ha fatto venire meno il rapporto di fiducia del datore di lavoro verso il suo dipendente, che ha ritenuto opportuno licenziarlo per giusta causa.

Regole d’uso del cellulare aziendale

Il rapporto di lavoro deve essere improntato su princìpi di diligenza, fedeltà, correttezza e buona fede. Usare, senza autorizzazione, il cellulare aziendale per motivi personali può quindi essere causa di licenziamento. Sebbene svariate aziende tollerino un uso limitato del telefono aziendale per motivi personali, non é invece tollerabile un uso reiterato e senza limiti.

Migliori offerte Adsl del momento