Uso del cellulare in gravidanza: ci sono rischi?

Durante la gravidanza fa male utilizzare il cellulare? Se si, quali rischi si corrono? Come é possibile limitare i rischi derivanti dall’uso del telefonino mentre una donna é incinta? L’allarme riguardo l’uso del cellulare in gravidanza e nei bambini, viene lanciato dall’Organo di Sorveglianza delle Radiazioni in Russia, il quale ha paragonato il grado di rischio pari a quello causato dal tabacco e dall’alcol.

I ricercatori dell’Università Ukla della California e dell’Università della Danimarca AARHUS hanno pubblicato sulla rivista Epidemiology, i risultati di una ricerca condotta sulle madri di 13.159 bambini nati in Danimarca alla fine degli anni ’90, sui bambini nati da queste donne e il loro comportamento all’età di sette anni. Solo metà di queste mamme non avevano utilizzato il cellulare in gravidanza. Ecco i risultati emersi.

Sulle mamme che mentre erano incinta utilizzavano il cellulare, é stato riscontrato per il 54% di probabilità in più, di avere bambini con problemi comportamentali e questa percentuale aumentava proporzionalmente con l’aumentare dell’uso del cellulare. Nei casi in cui gli stessi bambini utilizzavano spesso il telefonino, si raggiungeva una percentuale fino all’80%.

Tra i rischi e i problemi riscontrabili si annoverano: tendenza a problemi di condotta (49%), iperreattività (35%), difficoltà di relazione con gli altri bambini (34%) ed infine difficoltà emozionali (25%). I ricercatori hanno sottolineato che si tratta di risultati eclatanti e davvero inaspettati, per i quali tra l’altro non é ancora stato possibile individuare una precisa spiegazione del meccanismo biologico che interviene aumentando questi rischi. Non essendoci ancora una precisa spiegazione alcuni sostengono una tesi biologica, basata sulle onde elettromagnetiche emesse dai cellulari, altri una tesi sociale, nel senso che le mamme che usano troppo spesso i cellulari prestano meno attenzione ai bambini, che rischiano maggiormente di avere problemi comportamentali.

D’altra parte però il Prof. Sam Milham e la sua equipe della Scuola di Medicina di New York e della Scuola di Salute Pubblica di Washington, sulla base di alcune ricerche hanno dimostrato il maggiore rischio di cambiamenti strutturali nel cervello dei nascituri le cui mamme in gravidanza venivano esposte a radiazioni simili. Cosa fare? Senza ombra di dubbio, occorre usare buon senso: anche il Comitato Nazionale russo per la Protezione dalle Radiazioni Non-Ionizzanti si é espresso in merito, sottolineando che l’uso dei cellulari in gravidanza e nei bambini dovrebbe essere limitato al minimo indispensabile.

Scopri le radiazioni emesse dal tuo cellulare a questo link: Valore SAR cellulari come verificarlo!

Migliori offerte Adsl del momento