Apple risarcimento da Samsung

Chi scopiazza prima o poi paga: questo dicono in sintesi i giurati della corte di San Jose (California, Usa), i quali nella recente sentenza, hanno condannato Samsung a un risarcimento di ben 838 milioni di euro (pari a un miliardo di dollari e poco più) nei confronti di Apple. La casa sudocoreana é accusata di aver vìolato una serie di brevetti e di avere un  design dei suoi prodotti perché troppo vicino a quello di Apple.

In effetti nel 2007, quando uscì sul mercato l’iPhone, tra i primi a lanciare touchscreen c’era proprio la casa sudcoreana e dopo pochissimo tempo, questa tipologia di prodotti ha iniziato a essere un must anche per moltissime altre aziende.

A nulla sono servite ore di arringhe e un tentativo di conciliazione o comunque di giungere ad un accordo tra i due colossi. Si è dovuto arrivare al giudice e i nove membri della giuria californiana, hanno stabilito che in effetti, Samsung ha infranto alcuni brevetti dell’azienda statunitense.

Sembra sia stata determinante per la sentenza, una mail di Google, padre del sistema operativo Android (che troviamo in molti device Samsung) che sollecitava la casa sudcoreana a cambiare il design dei suoi dispositivi perchè troppo somigliante a quello della Melamorsa. Nulla da fare: Samsung ha continuato per la sua strada e ora le tocca pagare.

Tra l’altro il giudice Lucy Kohn potrebbe addirittura più che raddoppiare la somma di risarcimento danni nel caso si profilasse un’intenzionalità degli atti e vietare le vendite di alcuni dispositivi. Finita qui? Assolutamente no: Samsung non si arrende e ha già annunciato che farà ricorso contro la sentenza del tribunale californiano. Intanto il titolo Samsung alla borsa di Seul cede il 7,5%: il calo giornaliero più importante degli ultimi quattro anni.

Migliori offerte Adsl del momento