Come estrarre oro dai cellulari

I tempi cambiano e anche i cercatori d’oro non sono più soltanto persone armate di piccone e altri idonei attrezzi, sperduti nei meandri di tenebrose miniere o nei pressi di fiumi con tanto di metal detector per recuperare qualche grammo di oro. Nel terzo millennio la ricerca d’oro non avviene solo in zone cosiddette aurifere o nei pressi dei torrenti: questo metallo prezioso é infatti estraibile anche da… computer e cellulari!

Telefoni cellulari in disuso, obsoleti e che non usiamo possono rappresentare delle piccole miniere se consideriamo che l’oro ha raggiunto prezzi davvero allettanti: alcuni componenti elettronici sono composti da oro proprio perchè questo metallo è anche un ottimo conduttore di elettricità, che non viene scalfito dall’aria e dalla maggior parte dei reagenti chimici.

Il recupero dell’oro da computer, cellulari e componenti elettronici di varia specie è un settore che promette sviluppi piuttosto allettanti, al punto che sono nate delle aziende specializzate proprio in questo segmento di mercato. Ma come estrarre oro dai cellulari? È un’operazione che possiamo fare a casa? L’estrapolazione dell’oro in questi casi comporta l’uso di solventi molto tossici e nocivi e complesse procedure, poiché l’oro nei cellulari è presente in lega con altri metalli e occorre fare una separazione; per cui queste operazioni sono caldamente sconsigliate con il fai da te, occorre rivolgersi a personale specializzato.

In Giappone già da anni sono sorte aziende di recupero dell’oro e presto questo business potrebbe estendersi anche in Italia, ma non fatelo a casa: la cronaca cita incidenti e intossicazioni molto gravi che hanno addirittura condotto alla morte persone che avevano tentato di estrarre l’oro artigianalmente.

Migliori offerte Adsl del momento