SIM card integrata con attivazione remota in futuro

La SIM card in futuro potrebbe essere integrata nei telefonini e supportare l’attivazione remota dell’operatore telefonico preferito, in modo da evitare le lunghe e noiose code d’attesa nei negozi. E’ questa la notizia appena diffusa dalla GSM Association, l’organizzazione mondiale che gestisce i criteri base di funzionamento di tutti i telefoni cellulari. Dopo molti anni di onorato servizio, le SIM card come le conosciamo potrebbero andare in pensione, sostituite da SIM integrate direttamente nell’hardware del telefonino e che offriranno la possibilità di selezionare e attivare a distanza il proprio operatore telefonico, scegliendo anche in totale libertà le tariffe di chiamate e traffico dati.

Secondo quanto dichiarato da Rob Conway, CEO e membro del consiglio di amministrazione della GSM Association, le SIM tradizionali “hanno rappresentato un’importante innovazione nella telefonia mobile, e hanno fornito molti benefici ai consumatori in termini di sicurezza eportabilità dei contatti, e hanno semplificato la portabilità dei dispositivi attraverso le reti. Con il passaggio dalla connessione di telefoni alla connessione di un’ampia gamma di dispositivi è chiaro che l’embedded SIM può fornire ancor più grande flessibilità”.

GSM Association attualmente ha come gruppo di lavoro un team formato da esperti provenienti dagli operatori telefonici come AT&T, China Mobile, Deutsche Telekom, France Telecom Orange, KT, NTT DOCOMO, SK Telecom, Telecom Italia, Telefònica, Verizon Wireless e Vodafone. Le prime SIM integrate dovrebbero essere disponibili nel 2012, anche se qualche dubbio sulla loro utilità arriva dall’associazione no-profit SIM Alliance, la quale ha fatto sapere in un comunicato stampa che difficilmente gli utenti abbandoneranno le SIM tradizionali, in quanto tramite esse è possibile utilizzare lo stesso numero e operatore telefonico in più cellulari.

Migliori offerte Adsl del momento